RICCI artigianali

1,90

Pasta Artigianale di Semola di Grano Duro Siciliano

  • Provenienza: 
  • Petralia Soprana

  • Peso: 
  • 500 gr

2 disponibili

Questa Pasta Artigianale è un prodotto di altissima qualità.

Le materie prime che vengono utilizzate sono esclusivamente semola di grano duro e acqua. Le semole impiegate nel processo di trasformazione arrivano da aziende locali selezionate nel territorio, le quali attingono da granai esclusivamente siciliani e l’acqua utilizzata scorre nelle incontaminate Madonie, dove sgorga pura e fresca.

Durante il processo di produzione non vengono utilizzati aromi, conservanti o coloranti.
La pasta viene prodotta a Petralia Soprana, comune più alto delle Madonie, dove avviene la produzione, l’essicazione e il confezionamento del prodotto.
La trafilatura della pasta è affidata a delle trafile in bronzo. Questa fase è una delle più importanti nel processo per la realizzazione di questa pasta perché attraverso le trafile viene data la forma al prodotto, ma cosa più importante viene realizzata la superficie del prodotto stesso che, grazie al bronzo, viene resa rugosa non solo per trattenere i condimenti ma anche per far esaltare il gusto deciso dei grani siciliani.
L’essiccazione avviene in maniera lenta, naturale ed a basse. Questo procedimento rende la produzione lenta, ma allo stesso tempo non fa perdere alla pasta le caratteristiche e le sostanze nutritive del grano che la rendono così speciale.
Il confezionamento di questa pasta è eseguito totalmente a mano, così da poter ispezionare ancora una volta il prodotto finito prima di poter essere messo in commercio, rendendolo al 100% ARTIGIANALE  come la pasta dei nostri avi.

Arte, storia, cultura, tradizioni caratterizzano Petralia Soprana. Un piccolo paesino che si trova nel cuore della Sicilia, nel Parco delle Madonie, dove i ritmi della vita trascorrono lentamente, lontani dal caos cittadino.

E' qui che potrete ritrovare la tranquillità e l'emozione di vivere giorno per giorno a contatto con la natura, con l'ospitalità della gente e con la cortesia dei negozianti "detti putiara" in un clima di assoluto relax.
I monumenti, le Chiese, le opere d'arte susciteranno in voi una nuova dimensione della realtà che riporta alle antiche città medievali, ove i corsi in pietra e le antiche mura delle abitazioni sussurrano la storia di Petralia Soprana.
(http://www.comune.petraliasoprana.pa.it)
Storia
Le origini di Petralia si suppone che risalgano all'antica Petra, città fondata dai Sicani per meglio difendersi dai continui attacchi del nemico. Potrebbe aver conosciuto un insediamento greco, ma si hanno notizie certe soltanto a partire dal III secolo a.C. sullo sfondo della guerra tra Romani e Cartaginesi. Nel 254 a.C. durante la prima guerra punica, i petrini aprirono la porta ai consoli Aulo Attilio e Gneo Cornelio passando dal dominio cartaginese a quello romano.
Petra fu inserita tra le civitas decumanae, cioè tra le città sottoposte al tributo annuo della decima in natura. Ben presto, infatti, divenne una delle principali tornitrici di grano dell'Impero Romano. Nel IX secolo fu conquistata dagli arabi e ribattezzata Batraliah. Nel 1062 fu conquistata dai normanni, il conte Ruggero ne fortificò il castello, le torri e i bastioni esistenti. Nel 1067 il conte fece costruire un altro castello, fuori le mura, e dalla parte nord una chiesa titolata a San Teodoro; divenne una importante roccaforte e fu ceduta da Ruggero insieme al suo vasto territorio, al nipote Serlone.
Nel 1258 passo alla contea dei Ventimiglia di Geraci e nel 1396 alla contea di Collesano. Da allora vide il susseguirsi dei Centelles dei Cardona e infine dei Moncada e degli Alvarez de Toledo.
(http://www.parcodellemadonie.it/petralia-soprana.html)

Ti potrebbe interessare…

Copyright © 2017 Madonie World s.r.l.s.
P. IVA 06581640825